TRITTICO DELLE COSE ULTIME – Presentazione del libro

Venerdì 6 ottobre 2023 ore 17,30
MUSEO INTERNAZIONALE DELLE CERAMICHE 
Viale Baccarini 19 – Faenza

TRITTICO DELLE COSE ULTIME
di Giorgio Gualdrini

Prefazione di Erio Castellucci
Postfazione di Piero Stefani
Note di lettura di Gabriella Caramore e Maurizio Ciampa


Saluti
CLAUDIA CASALI
direttrice del M.I.C.


Interventi
NATALINO VALENTINI
Filosofo, Università di Urbino

GIAN DOMENICO COVA
Teologo e biblista
Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna

ALESSANDRA RIZZI
Storica dell’arte, autrice del libro:
“Francesco Arcangeli scrittore”


Lettura di brani di 
Joachim Winkelmann,
Fëdor Dostoevskij,
Anna Gregor’evna Dostoevskaja,
Pavel Florenskij,
Sergej Bulgakov,
Elias Canetti,
Guido Ceronetti, 
Julia Kristeva,
Melania Mazzucco, 
Vasilij Grossman.

Voce recitante: MARGHERITA RONDININI


Sarà presente l’autore 

Dalla recensione dello scrittore Eraldo Affinati pubblicata su “Romasette – Avvenire”, 3 settembre 2023

«Si tratta di un libro di grande carica evocativa, frutto del lavoro di una vita arricchito dal puntuale corredo iconografico e stilisticamente assai ben curato. L’autore non si limita a raccontare la storia affascinante e multiforme di questi tre capolavori figurativi del Rinascimento europeo, ma si applica, con determinazione e pazienza certosine, a inseguirne le straordinarie risonanze nell’animo dei tanti personaggi che, colpiti dall’esperienze estetica scatenata in loro da tali opere, contribuirono a diffonderle nella moderna coscienza occidentale. ⦋…⦌ Numerose suggestioni di Gualdrini assomigliano al sasso che, dopo essere stato lanciato, rimbalza sulle acque del lago: il rapporto fra il crash di piaghe e spine di Grünewald e le carni maciullate di Francis Bacon; l’oscurità angosciosa della notte infinita sopra gli occhi chiusi del Cristo di Holbein e le quattordici “icone” nere della cappella di Mark Rothko a Houston; “l’arcano della maternità”, manifestazione della Grazia, intuito da Vasilj Grossman a Dresda e ritrovato con lancinante forza emotiva nello sguardo ansioso della donna ebrea che stringe il proprio bambino durante la deportazione a Treblinka». 

VIAE SANCTI ROMUALDI 2023

Trekking esperienziale-spirituale

dal 19 al 21 agosto 2023

EREMO DI CAMALDOLI – EREMO DI MONTECORONA

Trekking esperienziale-spirituale che anticipa alcune tappe del cammino Ravenna-Fabriano che si realizzerà per il millenario della morte di san Romualdo (Ravenna 951/3 – Fabriano 1027)

info: www.trailromagna.eu

Tempi Profetici

Sabato 18 dicembre 2021 – ore 17,00

Casa Matha
Piazza Andrea Costa, 3 – Ravenna

Maurizio Viroli
Professore emerito di “Teoria politica”, Princeton University

in dialogo con

Luciano Manicardi
Monaco, Priore del Monastero di Bose

Maurizio Viroli, Tempi Profetici, Ed. Laterza, 2021

Conduce l’incontro

Stefano Kegljevic
(Libertà e Giustizia, circolo di Ravenna)

Partecipano

Sauro Mattarelli
Daniele Morelli
Maria Paola Patuelli

Organizzato da

Circolo di Ravenna
Comitato in difesa della Costituzione di Ravenna
Sezione di Ravenna “Sauro Camprini”

in collaborazione con
Associazione Romagna-Camaldoli

Cammino di San Romualdo 2021

Via Sancti Romualdi 2021

domenica 5 settembre – SAN ROMUALDO (RAVENNA), ore 8

dal paese di S. Romualdo a Ravenna attraverso la Pineta San Vitale (km 26) con arrivo alla tomba di Dante e agape fraterna
In collaborazione con CAI e Trail Romagna

Dante profeta e teologo della libertà

Cinque conferenze del prof. Alberto Casalboni o.f.m.cap., registrate nella Basilica di San Francesco a Ravenna, da gustarsi on line.

La cultura teologica di Dante, 31 marzo 2021

Conoscere per aver sperimentato, 7 aprile 2021

Il fondamento dei valori dell’uomo, 14 aprile 2021

Il segno della fede del cristiano, 21 aprile 2021

L’indipendenza dei due poteri, 28 aprile 2021

Le conferenze saranno fruibili sui seguenti siti:
www.vivadante.it
www.centrodantesco.it
www.romagnacamaldoli.it

Organizzato da:
– Associazione Romagna-Camaldoli
– Centro Dantesco
– Circolo dei Cercanti

In compartecipazione con il Comune di Ravenna, Assessorato alla Cultura, nell’ambito delle celebrazioni per il settimo centenario della morte di Dante Alighieri.

E in collaborazione con:
– Associazione Amici della Biblioteca Classense
– Comitato ravennate della Società Dante Alighieri
– Comunità monastica di Camaldoli (AR)

Con un ringraziamento a:
– MiC – Direzione Regionale Musei Emilia-Romagna
– Museo Nazionale di Ravenna
– Ravenna Teatro

4 ottobre 2020 – Sulle orme di San Romualdo – Via Sancti Romualdi

Da Russi (Palazzo S. Giacomo) a Faenza (Chiesa della Commenda)
camminando sull’argine del fiume Lamone

Cammino di San Romualdo - Via Sancti Romualdi

Ore 7.30 Lodi davanti alla chiesa del Palazzo S. Giacomo Russi
Ore 8.00 Partenza del cammino (km 20 circa) (c’è un bus per il ritorno )
Ore 11.00 Chiesetta di Santa Maria in Saldino (ad un chilometro a sud del Lamone)
Ore 13.00 Faenza: Rione Verde – pranzo
Ore 15.00 Faenza: Borgo Durbecco – visita alla Chiesa della Commenda (sec. XII-XV)

Prenotazioni esclusivamente nel sito di Trail Romagna www.trailromagna.eu
Info: 349 4649507 – danmorelli56@gmail.com

In collaborazione con Trail Romagna

Con il contributo del Comune di Bagnacavallo

Con il contributo del Comune di Russi

I segreti della foresta di Camaldoli

Domenica 4 agosto assieme a Trail Romagna andremo a passeggiare nella foresta di Camaldoli e alle 15.30 Don Viscardi ci illustrerà il significato spirituale e curativo degli alberi della foresta. Da non perdere! Info Ciro 3317158142 Giovanni 3357887618 Daniele 3494649507

Il cammino di S. Romualdo

Dal Pereo a Faenza sull’argine del Lamone

Completamento del Cammino di S. Romualdo già tracciato da Abbazia di Classe a Camaldoli in 7 tappe nel 2012.
(Tratto Pereo – S. Alberto / S. Lorenzo in Saldino)
(Km 20 circa in due/ tre tappe)

L’Associazione Romagna Camaldoli e Trail Romagna coinvolgendo le amministrazioni comunali di Ravenna e Bagnacavallo, le parrocchie e varie associazioni che lavorano per l’accoglienza ai migranti ripercorreranno domenica 6 ottobre 2019 il cammino di S. Romualdo partendo dal Pereo di S. Alberto e, risalendo l’argine sinistro del Lamone, giungeranno a Faenza (località S. Lorenzo in Saldino) ricollegandosi con il precedente cammino, inaugurato nel 2012, che da Classe raggiunge appunto Faenza lungo il Montone e risale poi fino a Camaldoli. La prima tappa inizia a S. Alberto presso l’argine del Reno dove sorgeva, su un’isola nella valle, l’eremo del Pereo molto caro a S. Romualdo. Nella chiesa priorale di Sant’Adalberto è da segnalare il tabernacolo neoclassico a forma di tempietto circolare con cupola le cui fattezze potrebbero rimandare alla chiesa originaria fondata da Ottone III per onorare i cinque fratelli di Querfurt martiri in Polonia (resti nel Museo Nazionale a Ravenna).
Camminando lungo la via S. Alberto in direzione Ravenna si raggiunge la località S. Romualdo dove chiesa e strutture annesse rimandano ad una architettura di bonifica che richiama le casette camaldolesi e la forma delle basiliche ravennati. Sull’argine sinistro del Lamone si raggiunge risalendo la corrente la località Savarna con il museo etnografico sul lavoro contadino della Romagna “Casa Sgurì”. Da segnalare Torri. Poi la località di Mezzano per giungere poi a Villanova la sede dell’Ecomuseo delle Erbe Palustri dove si sosterà per un rinfresco. Da Villanova è possibile e consigliabile una digressione a Bagnacavallo per una visita al convento di S. Giovanni Battista fondato dai Camaldolesi nel 1394 e la famosa Pieve di S. Pietro in Sylvis (VIII sec.). Per il 2019 la tappa si conclude quindi a Bagnacavallo per darsi però appuntamento al prossimo anno nel quale si percorrerà il tratto Bagnacavallo – Boncellino – Granarolo – Faenza per visitare poi la cripta della Chiesa camaldolese di S. Ippolito e la chiesa ove morì S. Pier Damiani biografo di S. Romualdo. Un appuntamento che coinvolge corpo e mente, il camminare lento e la scoperta della natura e delle opere d’arte e del lavoro di uomini e donne, la storia, la gastronomia e la spiritualità romagnola. L’Associazione Romagna Camaldoli e Trail Romagna vorrebbero coinvolgere anche alcuni migranti che più di altri hanno aperto cammini di speranza cercando pace e una vita dignitosa. Crediamo così di attualizzare la figura di S. Romualdo che, sempre in cerca di vita riformata, sostò negli eremi sì ma come riserva di energia per poi agire nella edificazione di un mondo migliore e di una chiesa migliore. Ci rivolgiamo quindi alle chiese locali di Faenza e Ravenna e a tutte le organizzazioni di volontariato sensibili al tema dell’accoglienza e ad ogni uomo e donna di buona volontà invitando tutti a collaborare con noi nella preparazione e nella sperimentazione di questo cammino.

Info

Associazione Romagna Camaldoli
www.trailromagna.eu